CINEFORUM

Giovedì 12 dicembre

Cineforum dalle 20:30
Nothing to Hide
Un documentario indipendente che tratta di sorveglianza nell’era della
digitalizzazione forzata e della sua accettazione passiva sulla base
dell’argomentazione “non ho nulla da nascondere”.

Giovedì 19 dicembre

Cineforum dalle 20:30
RFID: La Police Totale
L’esempio della tecnologia RFID (Radio Frequency Identification) mostra
come ciò che viene spacciato per comodità digitale nasconda innanzitutto il
controllo totale sulle nostre vite.

17 OTTOBRE

IL NOSTRO PANE QUOTIDIANO

di Nikolas Geyhalter, Austria/Germania 2005, 95 min. (sonoro).

Un’occhiata al “dietro le quinte” della produzione alimentare odierna nella sua spietatamente razionalità meccanica, lasciando ai rumori di fondo negli stabilimenti il compito di raccontare il livello di alienazione, freddezza e crudeltà nell’asettica produzione industriale di cibo. Uno specchio delle nostre vite?

***

24 OTTOBRE

HAMBACHER FORST FILM

di Jasper Grindel, Germania 2014, 40 min. (in tedesco con sottotitoli in italiano).

Un documentario autoprodotto sulla lotta e la resistenza contro la miniera di carbone presso la foresta di Hambach in Renania. A seguire un intervento di racconto e di aggiornamento a cura di un’attivista.

***

7 NOVEMBRE

NATURA MORTA – IL BIOCIDIO INVISIBILE A NORMA DI LEGGE

di TGMaddalena, Italia 2016, 55 min. (italiano).

Un reportage sulle conseguenze della diffusione del glifosato e pesticidi ad alta nocività, il ruolo dell’Ente Europea per la Sicurezza Alimentare, il dramma in Argentina, il caso degli ulivi pugliesi e l’inquietante scenario mondiale, tra perdita dell’autonomia alimentare e dipendenza dalle multinazionali.

***

14 NOVEMBRE

END: CIV

di Franklin Lopez, USA 2010, 75 min. (in inglese con sottotitoli in italiano).

Un documentario che esamina la nostra dipendenza dalla violenza sistematica e dallo sfruttamento della Terra, attraverso un viaggio tra musica, filmati, motion graphic, animazione e satira per decostruire il sistema economico globale, intervistando attivist* e militanti ecologist* radicali con una critica feroce ala civiltà industriale.